Tesori archeologici bellunesi

 

Sono rientrati in Museo Civico e nuovamente esposti nella ricca sezione archeologica i quindicina di reperti che sonostati esposti dal 6 aprile al 17 novembre 2013 al Palazzo della Ragione di Padova nell’ambito della mostra “VENETKENS. Viaggio nella terra dei Veneti antichi”, evento speciale dedicato alla scoperta dell’antichissima civiltà che nel corso del I millennio a.C. fiorì nelle aree del nord-est della Penisola, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, dal Ministero per i Beni Culturali – Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto e dal Gruppo Icat.

I reperti del Civico sono emersi da diverse zone località della Val Belluna già dalla fine dell’ 800, quali lo straordinario fodero di coltello in bronzo del sec. VI –V sec. a. C. decorato con motivi zoomorfi rinvenuto nel 1882 a Castellin sopra Fisterre e che è di proprietà civica (foto); la splendida chiave a gancio in bronzo rinvenuta alla pendici del Monte Nenz (Trichiana) nel 1994; l’intero corredo della tomba a cremazione in cassetta litica, rinvenuta a Limade (Cavarzano) risalente agli inizi del V sec. a. C. rinvenuto nel 1995.

Al pari di altri importanti pezzi provenienti da Mel, dall’Alpago e dal Cadore, i reperti del Civico sono stati prescelti per la loro particolare valenza artistico-storica e sono stati esposti accanto agli oltre duemila oggetti provenienti da vari Musei italiani e dai depositi della Soprintendenza archeologica del Veneto, per approfondire la conoscenza della Civiltà Paleoveneta, dei suoi usi e costumi.

Museo civico di Belluno, vetrina della Sezione archeologica con alcuni reperti di Limade (Belluno)  DSCN4562

Una vetrina della Sezione archeologica con alcuni dei reperti dello scavo di Limade, località di Cavarzano (Belluno)

 

 


 


I commenti sono chiusi.