Base di statua in pietra calcarea del Cansiglio dedicata a Marco Carminio Pudente – Belluno – Inizi III sec. d.C.

Marco Carminio Pudente fu senza dubbio uno dei personaggi di spicco di Bellunum, appartenente all’ordine equestre, sacerdote dei Laurenti e Lavinati, responsabile del fisco nella provincia delle Alpi Marittime, patrono e curator (curatore) di numerose città della Venetia et Histria, tra cui la stessa Bellunum. Molto importante fu la carica di patrono del collegium dei dendrophori e fabri, probabilmente una delle associazioni artigianali più importanti del tempo che comprendeva coloro che si occupavano dell’approvvigionamento e commercializzazione del legname (dendrophori) e gli artigiani che si dedicavano alla lavorazione e commercio di diversi materiali (soprattutto legno e metalli, fabri). Spesso i fabri, in associazione con i dendrophori, nei municipia privi di squadre di vigili del fuoco, svolgevano proprio le loro funzioni.